Chi è più attento e segue con costanza questo blog avrà notato che l’email in sidebar è diventata “cliccabile” con un bel collegamento mailto:. Non sono diventato pazzo, non ho messo l’indirizzo del blog in chiaro, non lo farei mai altrimenti dopo un paio di giorni quell’indirizzo dobbiamo solamente buttarlo 😉 .

Durante i soliti lavoretti di ottimizzazione che faccio per questo blog (tanto se non provvedo io… non lo fa nessun altro) mi sono imbattuto in questo link: How to Avoid Spambots.

Nella pagina linkata c’è un piccolo script, semplice e geniale. Basta inserire il proprio indirizzo email nel form e verrà generato istantaneamente un codice javascript contenente un link mailto: alla propria mail. Ma non è finita qui, per dirla in breve, il nostro indirizzo email verrà “crittografato” (anche se la definizione non è propriamente adatta) in modo tale da essere invisibile ai bot spam e quindi può essere visualizzato solamente in browser che supportano javascript.

Vediamo un esempio, tuamail@dominio.it si trasforma in:

<script type='text/javascript'>
var a = new Array('.it','nio','tua','mai','l@d','omi');
document.write("<a href='mailto:"+a[2]+a[3]+a[4]+a[5]+a[1]+a[0]+"'>"+a[2]+a[3]+a[4]+a[5]+a[1]+a[0]+"</a>");
</script>

Il bello è che non è un algoritmo di generazione standard, ovvero l’array generato è sempre diverso di volta in volta che si inserisce anche lo stesso indirizzo mail (cambia l’ordine delle lettere in pratica). Occhio per prevenire eventuali errori, è bene che mettiate la riga document.write(“”); a capo tutta su una sola linea senza nulla prima o dopo.

Avere il collegamento linkato alla propria mail sicuramente porta maggiori benefici dal punto di vista del feedback, soprattutto quando l’indirizzo email è lungo e/o si temono errori di digitazione è sempre meglio favorire la strada agli utenti, e questa per il momento sembra essere davvero un’ottima soluzione.