Fiori-di-Bach1

La malattia non è una crudeltà in se stessa, né tantomeno una punizione, è solo ed esclusivamente un correttivo, uno strumento del quale la nostra anima si serve per additarci i nostri errori, per impedirci di commettere sbagli più gravi, per evitarci di suscitare ombre e per rimetterci sulla via della verità e della luce, dalla quale non avremmo mai dovuto allontanarci (E.BACH)

 

I latini ammonivano: “Mens sana in corpore sano“…

Sempre più si fa strada nella percezione individuale la convinzione che la cura di se stessi vada molto al di là del prendere un’aspirina per il mal di testa o, peggio, dell’imbottirsi di medicinali di vario tipo per risolvere i propri problemi.

La floriterapia, o terapia con i fiori di Bach, è a buon diritto uno dei metodi olistici più completi e meno aggressivi per portare consapevolezza nell’individuo. Una delle ragioni del successo della floriterapia, al di là dell’indubbia efficacia del metodo, risiede nella sua semplicità. Una semplicità che permette all’individuo di prendersi cura di se stesso senza rischi.

 

Copertina-La-parola-al-corpo

I fiori di Bach prendono il nome da Edward Bach, medico inglese che nel 1919 in seguito alla diagnosi di un tumore, studia con entusiasmo l’omeopatia, affascinato dal fatto che con quei rimedi naturali si poteva curare il malato più che la malattia. Da lì intuì che “Ogni malattia altro non è che la manifestazione fisica di un disagio, di una disarmonia dovuti ad una condizione mentale che turba l’equilibrio del corpo”.

Sempre durante quel periodo si convinse del fatto che, poiché nella natura regna un’armonia perfetta, è sicuramente possibile trovare in essa quei rimedi necessari a ristabilire l’equilibrio in tutte le creature. Così individuò sei fiori con evidenti proprietà terapeutiche, con i quale creò i primi rimedi.

Tornato nel Galles, nel silenzio della natura, utilizzò lo spazio della meditazione e della conoscenza interiore e la sua grande sensibilità gli permise di percepire le vibrazioni e le proprietà curative dei fiori. Non alambicchi, ampolle, fiale e laboratori, ma semplicità ed intuizione divennero gli strumenti fondamentali della sua ricerca.

D’altra parte anche la maggioranza dei medici oggigiorno è d’accordo nel definire alcune malattie come psicosomatiche, liquidando così genericamente qualcosa di ben più complicato e delicato.

Il metodo di Bach si fonda sull’uso di 38 rimedi naturali, derivati da fiori, che agiscono a livello di sottili vibrazioni energetiche. Con l’assunzione dei rimedi, che non hanno effetti collaterali e non interferiscono con le medicine, si ottiene una migliore resistenza ai disturbi fisici, una maggiore serenità ed accettazione di se stessi.

Ma perché proprio i fiori?

 

fiori di bach 3Perché la vita della pianta si concentra nel fiore ed è nel fiore che è contenuto il seme che poi ritorna alla terra e di nuovo si rigenera.

I rimedi fondono l’armonia del nostro pianeta:

  • la terra, che dà al fiore appoggio e nutrimento ed a noi dona consapevolezza e sostegno
  • l’aria che ci alimenta
  • il fuoco, che si esprime con tutta la sua potenza attraverso il sole che ci nutre e ci rigenera
  • l’acqua, che nutre la pianta ed è determinante per la vita di tutto il pianeta, inclusi noi esseri umano.
  • l’energia della pianta ed il potenziale vibrazionale

 

La floriterapia del Dr Bach è un sistema terapeutico molto semplice che si può utilizzare con straordinari risultati. Il compito primario dei fiori è quello di interagire con le nostre caratteristiche di base, per riportarle al primitivo equilibrio e, di conseguenza, attraverso la loro benefica vibrazione energetica, ricordarci chi siamo e quali sono le nostre vere potenzialità.