Subacquea

Sempre più persone si stanno avvicinando al mondo della subacquea, chi per curiosità, chi per amore verso il mare e i suoi abitanti.

Si può praticare sia in estate che in inverno, in quest’ultimo caso grazie ad una muta stagna, che mantiene il calore corporeo e non fa entrare acqua al di sotto della muta.

Diventare sub non è difficile e sopratutto non serve essere in grado di saper nuotare per riuscire ad ammirare i pesci e la natura sottostante. Il silenzio, la pace e il  respiro … piccole preziosità che il sub riscopre.

La comunicazione è per lo più gestuale, viene appresa con teoria e pratica. In alcuni casi, ad esempio durante le lezioni o immersioni guidate, alcuni istruttori o guide per comunicare usano il granfacciale, una maschera in grado di far parlare chi l’indossa. Il praticante è in grado di ascoltare, grazie ad un auricolare collegato alla maschera tramite tecnologia wireless.

Per quanto non sia classificato un vero e proprio sport, ma un’attività ricreativa, la subacquea riesce a mettere le persone a proprio agio nell’acqua e ad entrare in confidenza con questo mondo vastissimo.