Ungaretti, mattina mi illumino d’immenso, traduzione, analisi e commento

MATTINA
G.Ungaretti

M’illumino
D’immenso.

Questa breve poesia fu scritta da Ungaretti a Santa Maria la Longa il 26 gennaio 1917.
Anzi, la prima versione in originale, la quale Ungaretti aveva spedito ai suoi amici Papini e Soffici su cartoline postali, era questa:

“M’illumino
d’immenso
con un breve
moto di sguardi ”

Siamo in guerra, siamo in trincea e siamo verso Trieste in una mattina di sole; all’improvviso i soldati ed anche Ungaretti vedono la distesa infinita del mare. E s’illuminano “d’immenso”.
Il titolo in alcune pubblicazioni precedenti aveva quello di “Cielo e Mare”, poi cambiato in “Mattina”
TRADUZIONE INGLESE
“MORNING”
I flood myself with light
of the immense

ANALISI:
Un frammento polisemantico che dà adito a una molteplicità di interpretazioni.
«E’ la poesia più breve di Ungaretti: due parole, tra di loro unite da fitti richiami sonori. Nell’illuminazione del cielo al mattino, da cui nasce la lirica, il poeta riesce a intuire e cogliere l’immensità».(Marisa Carlà Epoche e Culture)
Romano Luperini fornisce un diverso significato:
«La comprensione della poesia richiede di soffermarsi sulla particolare valorizzazione del titolo, indispensabile all’interpretazione corretta del significato: lo splendore del sole sorto da poco trasmette al poeta una sensazione di luminosità che provoca immediate associazioni interiori ed in particolare il sentimento della vastità. M’illumino d’immenso significa appunto questo: l’idea della infinita grandezza mi colpisce nella forma della luce. L’intensità della poesia si affida anche alla sinestesia su cui è costruito il testo, oltre che al perfetto parallelismo fonico-ritmico dei due versicoli, aperti da una elisione, costituiti da due ternari e ruotanti attorno a due termini comincianti per i e terminati per o».
Maurizio Dardano aggiunge ancora una diversa interpretazione:
«Il poeta ha voluto esprimere la gioia di immergersi nella luminosa bellezza del creato, negli spazi infiniti di una mattina piena di sole».
Il poeta guarda il cielo libero e sgombro e pieno di luce. Percepisce una sensazione di benessere e allora si riempie di luminosità e di gioia che lo fa sentire in armonia con la natura.

Vorresti inserire un commento?

Registrati per un account gratuito oppure entra (se sei già utente).





Mandaci un Trackback a questo URL se vuoi:
http://www.italianbloggers.it/35287/ungaretti-mattina-mi-illumino-dimmenso-traduzione-analisi-e-commento/trackback/