Un giorno un mio amico che lavora in una agenzia di scommesse sportive Sisal Matchpoint mi confessò che è impossibile vincere sistematicamente, non ci sono sistemi, formule, metodi che possono garantire una sicura vincita, anche perchè le quotazioni sono tarate dai bookmakers con valori cosi bassi da rendere inefficace ogni tipo di sistemone o diavoleria pubblicizzati come infallibili. Ho voluto sfidarlo e per circa tre anni ho dedicato tempo e denaro (per fortuna giocando il minimo, 2 euro), per arrivare alla conclusione che “aveva ragione lui”, non esistono metodi sicuri per vincere. Questa è la premessa, ed è importante ricordarlo e non lasciarsi convincere dalle numerose proposte di facili guadagni che trovate in rete, vi assicuro sono tutti fallibili. Ma in questo  lavoro di 3 anni ho  però messo a punto un metodo che chiamo 50/30/20 statistico-valutativo-imperfetto. Vi spiego cos’è:

A) il 50% statistico: tutte i pronostici dei bookmakers sono al 100% su base statistica, ma ho sperimentato che la statistica nelle scommesse sportive calcistiche conta mediamente  il 50%.

B) Il 30% valutativo: un peso del 30% nel pronostico di una partita deve essere dato a variabili non statistiche, ma a variabili importanti che possono condizionare il risultato, e che riguardano anche lo stato fisico-emotivo di una squadra. Per esempio giocatori importanti infortunati o esonerati, un cambio di allenatore, partite che valgono una salvezza, squadre stanche o stressate per troppi impegni calcistici  nelle ultime settimane, forte demotivazione dei calciatori ecc.. Queste variabili posso incidere sul risultato di una partita mediamente per il 30%

Un metodo  che si basa solo su A) e B) non è infallibile, ma è imperfetto come si legge al punto C)

C) Il 20% del risultato di una partita dipende da variabili non prevedibili, non controllabili, accadimenti fortuiti durante una partita quali calci di rigore, espulsioni, errori arbitrali, partite truccate, fattore C…. Questo 20% è un rischio sempre presente in tutte le scommesse ed è impossibile prevederlo.

Per applicare con successo il metodo 50-30-20 affidabile, ma imperfetto, occorre seguire alcune regole:

1)Non avete fretta a scommettere ma cercate di avere una buona conoscenza delle squadre. Essere competenti vi permette di prevedere correttamente il 30% del punto B). Seguite i principali campionati europei (Italia, Inghilterra, Spagna, Germania, Russia), concentrandovi sulle squadre che sono prime in classifica.

2)Puntate sulle prime in classifica quando giocano con le ultime, partite a risultato “scontato”. Ma solo se giocano in casa, non è raro che le ultime in classifica quando giocano in casa contro le squadre in prima posizione si autoesaltano e ottengono risultati positivi, di contro a volte le prime tendono a sottovalutare l’impegno verso chi è in fondo alla classifica.

3)Puntare solo sulle scommesse 1 x 2, tutte le altre scommesse che vi propongono i bookmakers sono trappole per perdere denaro.

4)Le partite con risultato scontato hanno quotazioni molto basse, meno di 1,30. Non giocatele perchè c’è sempre il 20% di rischio non calcolabile. Aspettate di trovare quotazioni, che per qualche anomalia statistica o dato deviante, superano 1,65. Comunque le vostre valutazioni e competenze sono fondamentali, nel campionato 2010-2011 le partite del Barcellona erano (quasi) sempre vincenti, in tal caso si poteva puntare su quotazioni più basse, ma mai inferiori a 1,45.

Infine giocate piccole somme, perchè come vi ho spiegato questo è l’unico metodo affidabile, ma  imperfetto.