Google Adsense è il programma più adatto nella pubblicazione di annunci pertinenti e non molto invasivi per le tue pagine, inoltre si è in grado, con pochi semplici passaggi, di utilizzare gli annunci Adsense su qualunque sito vorrai senza dover ripetere di volta in volta l’iscrizione.

Unico codice da inserire è il publisher-id, un valore alfanumerico composto da una stringa di 4 caratteri e 16 numeri che ti identifica come possessore del tuo account Adsense e mosterà di conseguenza annunci con il tuo codice personale.

Grazie a questa caratteristica, potrai scrivere articoli sul nostro blog ed in compenso utilizzare gli annunci pertinenti Google Adsense con una percentuale di impressioni pari al 100% del Revenue Sharing.

Adsense Revenue Sharing: è una particolare tecnica di condivisione di annunci Adsense di diversi utenti sullo stesso sito. Un’utente che scrive un articolo può inserire annunci in quest’ultimo e condividerli con i proprietari del blog a seconda di percentuali prestabilite che vanno dallo 0 al 100%. ItalianBloggers.it è l’unico blog al mondo ad applicare una percentuale del 100% ed è stato anche il primo blog in Italia ad avvalersi di questo sistema e tutt’ora ha il più completo e avanzato sistema di gestione degli annunci Adsense che può essere totalmente automatico o gestito manualmente dall’utente.

Vantaggi del Revenue Sharing: siti che applicano il revenue sharing solitamente sono ben sviluppati e curati, con particolare attenzione negli investimenti pubblicitari e nelle indicizzazioni da parte dei motori di ricerca. Con questi importanti accorgimenti il blog in questione gode di buona salute e riesce a generare un gran contenuto di visite rispetto a quante ne potrebbe generare un piccolo blog indipendente. Altro vantaggio molto importante è la totale indipendenza dalla piattaforma e da tutti i lavori tecnici che vanno effettuati su un blog quali l’installazione, la gestione, l’aggiornamento, risolvere eventuali errori, sviluppo di nuove applicazioni e così via.

Limitazioni del Revenue Sharing: onde evitare il trasformarsi del blog in una casa di riposo per bloggers, approfittando dell’altissima e favorevole percentuale di condivisione, che scrivono qualche articolo e poi non si collegano più al blog è stata introdotta una clausola che disincentiva gli utenti che non pubblicano un articolo per un periodo superiore ai 60 giorni. Gli annunci pubblicitari degli utenti che oltrepassano tale periodo di tempo saranno disattivati  per poi essere riattivati istantaneamente al primo articolo utile pubblicato.